La Catastrofe Degli OGM Negli USA: Una Lezione Per Il Mondo

Recentemente i non eletti potentati della Commissione Europea a Bruxelles, hanno cercato di ignorare quello che ha più volte dimostrato di essere l’opposizione schiacciante della popolazione dell’Unione europea alla diffusione degli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) nell’ agricoltura europea. Il presidente della Commissione Ue dispone ora un contabile maltese come commissario della salute e dell’ambiente per dare l’assenso all’adozione degli OGM. L’ex Commissario all’Ambiente, dell’ UE dalla Grecia è stato un feroce oppositore agli OGM. Inolte, il governo cinese ha dichiarato che può approvare una varietà di riso OGM. Prima che le cose vadano troppo in là, farebbero bene a seguire da vicino il più grande laboratorio di OGM del mondo, gli Stati Uniti. Lì le colture OGM sono tutt’altro che positive. Semmai il contrario.
di F. William Engdahl

Traduzione per Voci Dalla Strada a cura di VANESA 

Ciò che è accuratamente rimosso dalla propaganda della Monsanto e altre agro-industrie al momento di pubblicizzare colture geneticamente modificate come alternativa alle colture tradizionali, è il fatto che in tutto il mondo fino ad oggi le colture OGM sono state manipolate e brevettato solo per due motivi: in primo luogo, per essere resistenti o “tolleranti” al brevettato erbicida chimico glifosato altamente tossico che la Monsantoe le altre obbligano ad acquistare agli agricoltori come condizione per acquistare i loro semi brevettati. La seconda caratteristica è che i semi OGM sono stati geneticamente modificati per resistere ad insetti specifici. Contrariamente ai miti di relazioni pubbliche promosse nel loro stesso interesse, non esiste un singolo seme OGM che fornisce un rendimento superiore a quello della coltura convenzionale, nessuno che richieda erbicidi chimici meno tossici, per la semplice ragione che non vi è beneficio in quello. 

La peste dei super-semi giganti

Come ha segnalato il leader dell’opposizione agli OGM e biologo, Dr. Mae-Wan Ho dell’Institute of Science di Londra, le aziende come la Monsanto incorporano ai loro semi una tolleranza agli erbicidi (HT) attraverso una forma di insensibilità al glifosato del gene codificato per l’enzima bersaglio dell’erbicida. L’enzima è derivato dal batterio del suolo Agrobacterium tumefaciens. La resistenza agli insetti è dovuta ad una o più tossine derivate dal batterio del suolo Bt (Bacillus thuringiensis). Gli Stati Uniti iniziarono a coltivare piante geneticamente modificate su larga scala, per ragioni commerciali, soprattutto semi di soia e mais e cotone intorno al 1997.  A questo punto le colture OGM occupano tra l’85% e il 91% delle superfici coltivate con le principali colture degli Stati Uniti, soia, mais e cotone in quasi 171 milioni di acri.

Secondo Ho, è sul punto di esplodere la bomba ad orologeria ecologica associata agli OGM. Dopo vari anni di applicazione costante di diserbanti di glisofato brevettati, come il famoso Roundup della Monsanto, sono nate nuove “super cattive erbe” resistenti ai diserbanti come risposta della natura di fronte agli intenti dell’uomo di violentarla. Per controllare le super cattive erbe c’è bisogno di molto più, e non di meno, diserbante.
L’ABC Televison, una importante catena nazionale della televisione statunitense, ha elaborato, da poco, un documentario sulle super cattive erbe intitolato “Le super-erbacce non possono essere uccise(1).
Hanno intervistato agricoltori e scienziati di tutto l’Arkansas, che descrivevano i campi invasi da gigantesche pinte di Amaranthus palmeri, che potevano sopportare tutte le irrorazioni di glisofato che gli stessi agricoltori hanno eseguito. Hanno intervistato un agricoltore che aveva speso 400.000 dollari in soli tre mesi in un fallito tentativo di mettere fine alle super-erbacce.
Le nuove erbacce sono così robuste che non si riesce a seminare le campagne e gli strumenti manuali si rompono cercando di tagliarle. Solo in Arkansas questa nuova piaga biologica mutante ha invaso almeno 400.000 ettari di soia e cotone. Non si dispone di dati dettagliati di altre zone agricole ma si pensa che la situazione sia simile. E ‘stato riportato che il pro-OGM e pro-agroindustria del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno mentito sul vero stato delle semine statunitensi, in parte per nascondere la nefasta situazione e per evitare che esploda una rivolta contro gli OGM nel maggior mercato di questi nel mondo.  
Una varietà di super erbaccia, l’ Amaranthus palmeri, può arrivare fino a 2,4 metri di altezza, sopporta forti caldi e prolungate siccità, e produce migliaia di semi con un sistema di radici che consumano gli elementi nutrivi della terra. Se si lascia crescere liberamente, occupa un’intera campagna in un anno. Alcuni agricoltori sono stati obbligati ad abbandonare le loro terre. Fino ad ora, oltre all’Arkansas, anche in Georgia, Carolina del Sud, del Nord, Tennessee, Kentucky, Nuovo Messico, Missisipi e più recentemente, l’ Alabama e il Missouri sono state rilevate invasioni dell’Amaranthus palmeri, nelle zone coltivate con gli OGM.
Gli scienziati dell’Università della Georgia, calcolano che solo due piante di Amaranthus palmeri per ogni 6 metri di lunghezza nelle file di cotone possono ridurre la resa di un 23% (almeno)- Una sola pianta di quest’erba cattiva può produrre 450.000 semi (2)
Stanno nascondendo il pericolo della tossicità del Roundup
Il glisofato  è il diserbante più usato negli USA ed in tutto il mondo. Brevettato e venduto dalla Monsanto dagli anni 70 sotto il nome di Roundup, è un componente obbligatorio quando si comprano i semi OGM della Monsanto. Non si deve fare altro che andare in un negozio agricolo, chiederlo e leggere l’etichetta attentamente.
Come spiego nel mio libro, Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation, alcune compagnie che erano fondamentalmente compagnie chimiche (Monsanto Chemicals, DuPont e Dow Chimicals) hanno sviluppato negli anni 70 i raccolti OGM e i semi brevettati, con un importante sostegno finanziario della pro-eugenista Fondazione Rockefeller. Le tre aziende sono state coinvolte sia nello scandalo del tossico Agente Orange usato in Vietnam, che in quello della diossina durante gli anni 70, ed hanno mentito per nascondere il vero danno inflitto sia ai loro impiegati che alle popolazioni civili e militari esposte a questa diossina.
I loro semi OGM brevettati sono considerati un mezzo intelligente per obbligare a comprare sempre di più i loro prodotti chimici, come il Roundup. Gli agricoltori dovevano firmare un contratto con la Monsanto con il quale si stabiliva che si poteva usare solo il pesticida Roundup della Monsanto. In questo modo gli agricoltori erano intrappolati e obbligati a comprare nuovi semi della Monsanto per ogni nuova semina, oltre al tossico glisofato.
Con un team guidato dal biologo molecolare Gilles-Eric Seralini dell’università di Caen, in Francia, fu realizzato uno studio che dimostra che il Roundop contiene un ingrediente, il polyethoxylated tallowamine, o POEA. Il team di Seralini dimostrò che il POEA nel Roundup era ancora più mortale per gli embrioni umani e per le cellule della placenta o del cordone ombelicale dello stesso glisofato. Oltre al glisofato, la Monsanto si rifiuta di far conoscere in dettaglio il contenuto del Roundup sostenendo che è oggetto di un brevetto.(3)
Lo studio di Seralini ha riscontrato che gli ingredienti inerti del Roundup amplificano gli effetti tossici sulle cellule umane, anche in concentrazioni molto più diluite di quelle usate per le fattorie e prati! Il team francese ha studiato molteplici concentrazioni di Roundup, dalle dosi tipiche nelle coltivazioni o prati fino a concentrazioni 100.000 volte più diluite rispetto ai prodotti venduti in commercio. I ricercatori hanno scoperto che era dannoso per le cellule a tutte le concentrazioni.

La propaganda del glifosato e del Roundup indica che sono “meno tossici del sale da tavola” in un opuscolo dell’Istituto di Biotecnologia, che promuove le colture GM come ‘combattenti delle erbacce”. Tredici anni di colture OGM negli Stati Uniti hanno incrementato l’uso di pesticidi per un totale di 318 milioni di libbre, invece di ridurlo, come promesso dai quattro cavalieri dell’apocalisse OGM. L’onere supplementare di malattie nella nazione, a causa di ciò è notevole.

In ogni caso, dopo il lancio commerciale dei semi OGM della Monsanto negli USA, l’uso del glisofato è aumento più del 1.500% tra il 1994 ed il 2005. Negli USA si usano all’anno circa 100 milioni di libbre di glisofato in prati e fattorie e negli ultimi 13 anni sono stati usati in più di un milione di acri. Secondo quanto riferito, quando è stato chiesto al direttore dello sviluppo tecnico della Monsanto, Rick Cole, ha affermato che i problemi erano “gestibili”. Consiglia agli agricoltori di alternare semine e usare diversi tipi di diserbanti elaborati precedentemente dalla Monsanto. La Monsanto sta incitando gli agricoltori a mischiare glisofato con altri diserbanti, come il 2,4D, vietato in Svezia, Danimarca e Norvergia per la sua relazione con il cancro e con i danni riproduttivi e neurologici. Il 2,4D è un componente dell’Agente Orange prodotto dalla Monsanto per essere usato in Vietnam durante gli anni 60.
Gli agricoltori statunitensi scelgono le coltivazioni biologiche
Secondo quanto riferito, negli USA gli agricoltori stanno ritornando alle coltivazioni tradizionali non OGM. Secondo un nuovo rapporto del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, le vendite all’ingrosso di cibo organico sono aumentate fino a 21.100 milioni di dollari nel 2008 dai 3.600 milioni nel 1997 (4). Il mercato è così prosperoso che le fattorie biologiche a volte competono per produrre un’offerta sufficiente capace di seguire la veloce crescita della richiesta dei consumatori, che porta ad una scarsità periodica di prodotti biologici.
La nuova coalizione liberale- conservatrice nel Regno Unito sta sostenendo energeticamente l’abolizione del divieto di fatto degli OGM in questo paese.Il principale consigliere scientifico del Regno Unito, il professor John Beddington, ha scritto da poco un articolo nel quale erroneamente affermava: 

  • “Il prossimo decennio vedrà lo sviluppo di combinazioni di catatteristiche desiderabili e l’introduzione di nuove caratteristiche come la tolleranza alla siccità. Per la metà del secolo potrebbero essere fattibili opzioni radicali altamente correlate caratteri poligenici “

Continuava promettendo “animali clonati con un’immunità innata alle malattie grazie all’ingegneria genetica” ed altre cose. Molte grazie, ma credo che possiamo fare a meno di questo.

Un recente studio dell’ University dell’ Iowa e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha valutato i risultati nelle aziende agricole nel corso dei tre anni di costi di transizione per passare dall’agricoltura convenzionale alla produzione biologica certificata e hanno mostrato significativi vantaggi dell’agricoltura biologica rispetto alle colture OMG e anche convenzionali colture non-OGM. In un esperimento che durò quattro anni (tre della transizione primo anno e organico) lo studio mostra che, mentre i rendimenti sono scesi inizialmente, si equipararono nel terzo anno e nel quarto i rendimenti hanno superato i convenzionali sia per la soia che il mais.
AscoltaTrascrizione fonetica

Allo stesso modo, recentemente è stata pubblicata la Valutazione Internazionale delle Conoscenze Agricole, Scienza e Tecnologia per lo Sviluppo (IASSTD, sigla in inglese), (che è) il risultato di tre anni di delibere da parte di 400 scienziati e rappresentanti non governativi provenienti da 110 paesi di tutto il mondo. Arriva alla conclusione che l’agricoltura biologica su piccola scala è la via da seguire per continuare a lottare contro la fame, le disuguaglianze sociali ed i disastri ambientali (5).
Come dice il Dottor Ho, c’è bisogno urgente di un cambiamento fondamentale nella pratica agricola prima che la catastrofe agricola si estenda maggiormente attraverso la Germania e il resto dell’UE verso il mondo (6).
NOTE
[1] Super weed can’t be killed, ABC News, 6 ottobre 2009. Si veda anche Jeff Hampton, N.C. farmers battle herbicide-resistant weeds, The Virginian-Pilot, 19 luglio 2009, http://hamptonroads.com/2009/07/nc-farmers-battle-herbicideresistant-weeds
[2] Clea Caulcutt, ‘Superweed’ explosion threatens Monsanto heartlands, Clea Caulcutt, 19 aprile 2009, http://www.france24.com/en/20090418-superweed-explosion-threatens-monsanto-heartlands-genetically-modified-US-crops
[3] N. Benachour and G-E. Seralini, Glyphosate Formulations Induce Apoptosis and Necrosis in Human Umbilical, Embryonic, and Placental Cells, Chem. Res. Toxicol., Article DOI: 10.1021/tx800218n Data di pubblicazione nel web : 23 dicembre 2008.
[4] Carolyn Dimitri y Lydia Oberholtzer, Marketing U.S. organic foods: recent trends from farms to consumers, USDA Economic Research Service, settembre 2009,http://www.ers.usda.gov/Publications/EIB58/
[5] International Assessment of Agricultural Knowledge, Science and Technology for Development, IAASTD, 2008, http://www.agassessment.org/index.cfm?Page=Press_Materials&ItemID=11
[6] Ho MW.UK Food Standards Agency study proves organic food is betterScience in Society 44, 32-33, 2009

  F. William Engdahl è autore de Seeds of Destruction:The Hidden Agenda of Genetic Manipulation.
Fonte: http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=20675

Traduzione per Voci Dalla Strada a cura di VANESA 

Advertisements
Explore posts in the same categories: Science, Society

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: